Contenuti tematici dei progetti strategici

Di seguito elencati i dieci temi inerenti le progettualità strategiche per le quali il Programma di cooperazione Interreg V-A Italia-Slovenia ha previsto uno stanziamento di fondi per 27 Meuro di FESR. Da tali temi, approvati nella seduta del Comitato di Sorveglianza del Programma medesimo del 22 febbraio 2017, i 10 progetti strategici identificati tramite un approccio top-down, previsto dal Programma.

Tema 1: NANOTECNOLOGIE

Asse prioritario 1 - Priorità d'investimento 1b - Obiettivo specifico 1.1. - Importo massimo contributo FESR 3.000.000,00 €

Sviluppo di una rete internazionale di centri di ricerca che favorisca l’innovazione basata sulle nanotecnologie tra le PMI. Il tema strategico vuole
promuovere una rete tra i migliori centri di ricerca dell’area orientati alle nanotecnologie fornendo servizi di alta specializzazione alle PMI al fine di
potenziare l’innovazione industriale orientata alla ricerca e il trasferimento tecnologico. La nanotecnologia ha molte applicazioni coerenti con i settori
prioritari delle strategie intelligenti - smart strategies S3 (in settori come salute intelligente, produzione manifatturiera intelligente, ecc.). La prevista
collaborazione transfrontaliera inoltre favorirà e promuoverà lo scambio di competenze tecniche e partenariati pubblico-privati nonché la realizzazione di prototipi (proof of concepts – PoC).

Obiettivi principali

L'obiettivo principale dovrebbe essere lo sviluppo di una rete transfrontaliera che raccolga e rafforzi gli esistenti centri di ricerca orientati alle nanotecnologie presenti mediante un approccio di innovazione aperta, al fine di trasferire al mondo della produzione le competenze e gli strumenti esistenti in materia di nanotecnologie. La rete di nanolabs dovrebbe integrare e potenziare le conoscenze transfrontaliere e gli impianti ad alta tecnologia esistenti nell'area di Programma rendendo disponibili e condividendo una serie di servizi altamente specializzati al fine di rilanciare la competitività delle regioni coinvolte. La rete dovrebbe diventare una cornice stabile di collaborazione sia tra strutture di
ricerca (ad es. armonizzando i servizi, creando una massa critica, evitando iniziative isolate e duplicazioni) sia tra ricerca ed industria, offrendo alle PMI e alle grandi imprese un accesso ad ambienti di ricerca altamente tecnologica nonché incentivando l'innovazione industriale basata sulla ricerca e promuovendo la collaborazione pubblico-privata nel campo della ricerca e dell'innovazione.

Tema 2: INDUSTRIE CREATIVE

Asse prioritario 1 - Priorità d'investimento 1b - Obiettivo specifico 1.1. - Importo massimo contributo FESR 3.000.000,00 €

Sviluppo di eco-sistemi di innovazione e catene di valore, di collegamento tra le scienze, la cultura, l'arte, gli abitanti e l'economia, e che applichino l’innovazione creativa, aperta e collaborativa, e prevedano dimostrazioni pilota attraverso prodotti e servizi innovativi. Il tema strategico permetterà una rete transfrontaliera tra eco-sistemi innovativi al fine di promuovere le attività creative e l'innovazione aperta, con particolare attenzione all'uso delle nuove tecnologie coerenti con le Strategie di ricerca e Innovazione per le Specializzazioni Intelligenti - RIS3 ed applicate (anche in modo non convenzionale) a una serie di settori (edifici intelligenti, gestione della conoscenza). L'interazione tra gli operatori creativi, gli enti pubblici e le aziende (PMI e start-up) permetterà lo scambio di esperienze, concetti e approcci, per sviluppare prodotti e servizi innovativi, per promuovere catene di valore creative e per sostenere le start-up che offrono a progetti pilota strutture di supporto all’incubazione e all’accelerazione.

Obiettivi principali

Migliorare l'interconnessione tra gli eco-sistemi di innovazione transfrontalieri attraverso la creazione di consorzi di enti privati e pubblici transnazionali coinvolti nelle procedure di innovazione, basati sia sulla contaminazione delle conoscenze tra scienza, cultura, arte ed economia, sia sulle attività di capitalizzazione in diversi settori della creatività, con l'obiettivo di sviluppare un nuovo approccio al tema, prodotti e azioni pilota.

Tema 3: PAESC

Asse prioritario 2 - Priorità d'investimento 4e - Obiettivo specifico 2.1. - Importo massimo contributo FESR 2.500.000,00 €

Creazione di un concreto supporto al fine di accelerare la riduzione delle emissioni di carbonio o di gas ad effetto serra, di rafforzare le capacità di adattamento agli inevitabili impatti dei cambiamenti climatici ed aumentare l'efficienza energetica dell’intera area transfrontaliera, basato sulla metodologia utilizzata per la transizione dal PAES (Piano d’Azione per l'Energia Sostenibile) al PAESC (Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile ed il Clima).

Obiettivi principali

Offrire ai Comuni italiani e sloveni dell'area di Programma un sostegno pratico all'attuazione di politiche energetiche sostenibili e di adattamento ai cambiamenti climatici che si riflettono nella transizione dal PAES (Piano d’Azione per l‘Energia Sostenibile) al PAESC (Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile ed il Clima), il quale individua misure di efficienza energetica e di produzione di energia da fonti rinnovabili al fine di ridurre le emissioni di CO2.

Tema 4: MOBILITÀ E INTERMODALITÀ

Asse prioritario 2 - Priorità d'investimento 4e - Obiettivo specifico 2.1. - Importo massimo contributo FESR 3.500.000,00 €

Miglioramento della capacità di pianificazione in materia di mobilità integrata al fine di prevedere collegamenti transfrontalieri pubblici a basse emissioni di carbonio e intermodalità, in considerazione di tutte le modalità di trasporto in tutta l’area programma.

Obiettivi principali

Il progetto contribuirà allo sviluppo di una strategia congiunta per un'adeguata mobilità transfrontaliera in tutta l'area. Sviluppo di forme di accessibilità ecologiche attraverso il miglioramento dei trasporti e dei servizi intermodali sulla base delle infrastrutture esistenti. La strategia si avvarrà della metodologia PMUS (Piano di mobilità urbana sostenibile).

Tema 5: ECCELLENZA NEL TURISMO

Asse prioritario 3 - Priorità d'investimento 6C - Obiettivo specifico 3.1. - Importo massimo contributo FESR 2.600.000,00 €

"ECCELLENZA NEL TURISMO" mira a creare un modello di gestione innovativo per sostenere lo sviluppo di una destinazione turistica transfrontaliera attraverso prodotti turistici transfrontalieri integrati (ITP), sulla base di un patrimonio culturale e naturale rivitalizzato, oltre a costruire le infrastrutture mancanti, che consentirà una sua gestione (circolare) integrata e sostenibile nonché favorirà esperienze all’aperto dando particolare rilievo alla costituzione  di una rete transfrontaliera di castelli, giardini storici, ville e vigneti, e con riguardo alla valorizzazione della diversità di paesaggi che caratterizza l’area programma.

Attraverso l’enogastronomia, questo tema strategico promuove i prodotti tipici, ed enogastronomici e la tradizione locale. Attraverso varie attività all'aria aperta promuove esperienze del variegato patrimonio naturale. Gli interventi dovranno testare sulle micro destinazioni transfrontaliere i concetti di pianificazione sostenibile e l'uso intelligente di modelli esistenti di infrastrutture turistiche.

Obiettivi principali

L'obiettivo principale del tema strategico è la creazione di condizioni favorevoli allo sviluppo di un approccio sistemico che migliori la cooperazione transfrontaliera per lo sviluppo del turismo sostenibile fondato sulle risorse naturali e culturali.

Tema 6: PRIMA GUERRA MONDIALE

Asse prioritario 3 - Priorità d'investimento 6c - Obiettivo specifico 3.1. - Importo massimo contributo FESR 2.500.000,00 €

Promozione e valorizzazione del patrimonio della prima guerra mondiale anche in termini di turismo sostenibile e consapevole. In particolare, incremento del potenziale attrattivo di siti e monumenti di grande significato storico e simbolico, anche attraverso investimenti su piccola scala e l'utilizzo di strumenti di comunicazione innovativi e la cinematografia. Le azioni progettuali dovranno tenere in considerazione le iniziative promosse dai partner del Programma, quali la memoria del centenario della prima guerra mondiale e le sue implicazioni e l'inserimento de "Il Sentiero della pace dalle Alpi all'Adriatico - Patrimonio della prima guerra mondiale" nella Lista UNESCO dei siti patrimonio dell’umanità.

Obiettivi principali

Preservare e promuovere gli elementi materiali e immateriali relativi alla prima guerra mondiale nell'area di Programma in quanto patrimonio comune, valorizzare le risorse storiche anche in termini di turismo sostenibile ed orientato alla cultura, creando un marchio europeo comune denominato "Il sentiero della pace" al fine di creare una destinazione turistica specifica.

Tema 7: MINORANZE E MULTICULTURALITÀ

Asse prioritario 3 - Priorità d'investimento 6c - Obiettivo specifico 3.1. - Importo massimo contributo FESR 2.400.000,00 €

Introduzione di approcci innovativi sviluppati dalle minoranze nazionali e linguistiche e da enti pubblici, per la promozione del multiculturalismo e del multilinguismo con particolare riguardo alle giovani generazioni, allo scambio di buone pratiche al fine di sviluppare attività multiculturali, con l'obiettivo di incrementare l'attrattiva turistica e culturale del territorio.

Obiettivi principali

Recuperare siti storici e culturali da utilizzare come nuovi contenuti museali riferiti alle minoranze nazionali e linguistiche dell'Alto Adriatico; introdurre nuove tecnologie digitali e TIC, coinvolgere le giovani generazioni, utilizzare strumenti multilinguistici a supporto del multilinguismo e del multiculturalismo (patrimonio culturale materiale e immateriale), funzionali ad una maggiore offerta turistica sostenibile e una maggiore attrattività dell'area transfrontaliera.

Tema 8: NATURA 2000 E INFRASTRUTTURE VERDI

Asse prioritario 3 - Priorità d'investimento 6d - Obiettivo specifico 3.2. - Importo massimo contributo FESR 2.500.000,00 €

Sviluppo integrato e attuazione di potenziali integrati a livello transfrontaliero, nazionale, regionale e locale per le diverse forme di infrastrutture verdi e le attività di green economy nel campo della gestione delle acque interne e marine, dell’ecologia, della tutela ambientale, del turismo verde e di altri settori correlati (zone di ritenzione naturale, corridoi fluviali verdi, ...) al fine di migliorare gli ecosistemi acquatici e Natura 2000 e contribuire allo sviluppo sostenibile (in particolare turistico) di tutta l'area programma.

Obiettivi principali

Contribuire a migliorare lo stato degli ecosistemi acquatici e Natura 2000 sviluppando sistemi di monitoraggio dello stato delle acque e della biodiversità. Contribuire allo sviluppo sostenibile dei bacini fluviali nonché delle zone marine e costiere dell'area diProgramma.

Tema 9: DIRETTIVA ALLUVIONI

Asse prioritario 3 - Priorità d'investimento 6f - Obiettivo specifico 3.3. - Importo massimo contributo FESR 2.500.000,00 €

Sviluppo e attuazione di misure integrate congiunte strutturali e non strutturali di protezione contro le alluvioni nel contesto della Direttiva Alluvioni 2007/60/CE prevedendo le seguenti attività principali: elaborazione di modelli comuni, di mappe e strumenti, documentazione associata, investimenti pilota su scala ridotta e attrezzature, aggiornamento del sistema di previsione delle alluvioni, attività di sensibilizzazione tramite utilizzo di tecnologie innovative.

Obiettivi principali

Potenziare la collaborazione tra le autorità coinvolte a vari livelli in materia di gestione del rischio alluvioni al fine di migliorare la gestione degli investimenti e di ridurre il rischio alluvioni nei bacini transfrontalieri e interregionali.

Tema 10: PROTEZIONE CIVILE

Asse prioritario 4 - Priorità d'investimento 11CTE - Obiettivo specifico 4.1. - Importo massimo contributo FESR 2.500.000,00 €

Rafforzamento della cooperazione nel campo delle emergenze di protezione civile, concentrandosi sul coordinamento delle misure di prevenzione, preparazione e reazione alle emergenze naturali, escluse quelle marine, lo sviluppo di sistemi di supporto congiunto, l'aggiornamento di strumenti e misure comuni per l'individuazione precoce dei rischi naturali, investimenti in attrezzature e impianti per corsi di formazione congiunti su diversi livelli.

Obiettivi principali

Rafforzare la capacità di cooperazione istituzionale attraverso la mobilizzazione di autorità pubbliche e di operatori chiave dell'area del Programma al fine di pianificare soluzioni congiunte a sfide comuni. Migliorare la capacità istituzionale e la gestione transfrontaliera. Potenziare la cooperazione istituzionale mediante l'attivazione di autorità pubbliche e di attori chiave in sede di pianificazione di risposte congiunte alle criticità.