SECAP: Webinar: “Empowering Energy and Climate Action Plans SECAPs in a wide crossborder area” 30 marzo 2022, 10:00 – 13:00

Notizie

(online - Via Zoom – lingua di lavoro: EN)

Mercoledì 30 Marzo 2022 si è svolto on line, l’evento pubblico inizialmente denominato “di Bruxelles” in quanto avrebbe dovuto tenersi nella capitale belga, a testimonianza della valenza europea dei temi trattati dal progetto SECAP. L’evento, finalizzato a divulgare i risultati del Progetto a livello europeo, si è tenuto in lingua inglese.  
L’evento è stato moderato dal prof Marco Manzan dell’Università di Trieste.
Dopo i saluti da Parte di Massimo Canali direttore centrale della “Direzione centrale difesa dell'ambiente, energia e sviluppo sostenibile” della regione Autonoma Friuli Venezia Giulia e l’introduzione dei lavori da parte di Nicolò Tudorov in  rappresentanza della Regione Friuli Venezia Giulia, Lead Partner del progetto SECAP, e di Ivana  Kakafura in rappresentanza di Golea partner sloveno del progetto; Carlo Dall’Omo ricercatore dello dell’Università IUAV di Venezia, ha evidenziato i progressi fatti con il progetto SECAP nella valutazione della vulnerabilità dei territori ai cambiamenti climatici e l’importanza dell’attuazione di strategie di mitigazione transfrontaliere, miranti a generare utili raccordi fra le politiche di intervento italiane e slovene.
Nikola Holodkov di Area Science Park si è soffermato quindi sui rischi di impatto per i diversi settori, partendo dalla tipologia del rischio, valutandone l’esposizione e quindi passando al calcolo della vulnerabilità. 
Črtomir Kurnik di LEAG, Slovenia, ha mostrato come parecchie realtà comunali siano state coinvolte nel progetto SECAP, fornendo loro reali supporti per la stesura dei piani PAESC e l’implementazione delle azioni conseguenti. Parecchi sono stati i comuni del territorio Italo Sloveno coinvolti, fra i quali Aidussina, Nova Gorica, Capodistria, Idria, Pivka, Brezovica, Sacile, Brugnera, Polcenigo, Budoia, Caneva, Fontanafredda, Trieste e Duino.
Importante e significativa è stata la presenza di Davide Cassanmagnago del Covenant of Majors (COM) che, dopo una breve descrizione del COM, ha sottolineato come le sottoscrizioni da parte dei Comuni in Italia stiano costantemente crescendo, e come sia necessario mantenere vivo l’interesse per le politiche di salvaguardia dell’ambiente e del territorio fornendo strumenti e conoscenze, come fatto grazie al Progetto SECAP. Oltre alle attività di COM, che si articolano in workshops/webinar, missioni di esperti e peer review, progammi di gemellaggio, iniziative per incrementare la visibilità di realizzazioni cosiddette “bandiera” e la promozione di strategie nazionali con premi per le migliori performance a livello locale, sono state sottolineate le opportunità messe a disposizione dall’EUCF-European City Facility. Istituito nell'ambito del programma quadro per la ricerca e l'innovazione di Orizzonte 2020 dell'Unione europea, l'EUCF sosterrà i comuni, gli enti locali, i loro raggruppamenti e gli enti pubblici locali, che aggregano i comuni/gli enti locali in Europa, con sostegno finanziario semplificato (sotto forma di importi forfettari di 60.000 EUR) e servizi correlati, per consentire loro di sviluppare concetti di investimenti relativi all'attuazione delle azioni individuate nei loro piani d'azione per il clima e l'energia. 
Non sono mancate le testimonianze dirette da parte di Comuni aderenti a SECAP, quale quella di Chiara Puntar,  Consigliere delegato per i progetti Europei del comune di Duino Aurisina (ITA), che ha enfatizzato come il PAESC, messo in atto dal  Comune di Duino Aurisina, rappresenti l'inizio di un lungo processo che mira all'identificazione e attuazione di  azioni di efficienza energetica, di facilitazione dell’ accesso dei cittadini alla fruizione di energie rinnovabili e di un ambiente sicuro e sostenibile, grazie all’adozione di iniziative di adattamento ai cambiamenti climatici. 
Il prof Marco Manzan ha chiuso l’intervento, ricordando che sono in corso di finalizzazione per la stampa nell’ambito del progetto SECAP due volumi sulle strategie, rispettivamente sulla mitigazione e sull'adattamento ai cambiamenti climatici e un terzo volume contenente delle linee guida con buone pratiche per i comuni su come combattere gli effetti dei cambiamenti climatici.  
 

WP2 BRUXELLES FINAL EVENT30.03.2022.zip
( 20 byte, pubblicato il 23 Aprile, 2022 - 17:33 )
Tools